La nostra storia

L’antico Borgo de’ Brozzi si può far risalire con certezza ai primi decenni del XIII° secolo quando Lugo era contesa tra il Papato ed i Conti di Cunio; questi ultimi furono definitivamente cacciati alla fine del duecento. Nel XV° secolo Lugo passò sotto il dominio degli Estensi, che promossero molte opere pubbliche come il rinnovamento della Rocca e il restauro delle Porte della città. Il borgo era delimitato da una porta ad ovest e da un ponte ad est.

 La Porta di Brozzi (o del Birozzo) ,sorta ai margini del Borgo in direzione Ovest, è ora il simbolo del nostro Rione. Essa fu restaurata nel 1477 e, malgrado alcune manomissioni, rimase fino al 1821, quando fu sostituita dalla porta neoclassica dell’Ing. Ascagni. Essa fu poi demolita nel 1907.

All’estremità opposta del borgo era un ponte gettato sulla fossa che circondò per molti secoli il castello. Ancora oggi molti anziani indicano lo sbocco di Corso Mazz
ini in Piazza I° Maggio con l’espressione dialettale “e’ pont d’Brozz”.

Questo rione, che ha come asse centrale l’attuale Corso Mazzini, prese il nome da un’antica famiglia che possedeva in quel luogo un fondo rustico, ma è altresì suggestivo il richiamo del nome ai numerosi “birocci” che percorrevano quella strada per raggiungere il mercato ed il centro della città.

La chiesa del rione è S. Giacomo Maggiore, chiesa madre della città, nella quale si possono ammirare alcune vestigia romane: essa si affaccia su Corso Mazzini, lungo il quale si trovano numerose lapidi a ricordo di cittadini illustri. 

Nello stemma del RIONE DE’ BROZZI e raffigurata l’Antica Porta di Birozzo, inscritta in uno scudo sormontato da elmo con cimiero e svolazzi.

I colori del Rione sono il GIALLO ed il VERDE.